Emilio

 

 

 

5a59e28e9621dab3773b69f8e2151942.gif

Eutanasia

 

 

  Si ce rifliett, quann a vit scorr,  comm a nu rio, frisc, trasparent

 

  ca va pe mmiezz e terr  e fa’ felic,chi cerc o frisc

 

  nfunnennes int all’acqua, ma che ce vo’ a campa’.

 

 

  Nun ce stann prubblem .

 

  Se ponn ra’ giudizzie e pusizzion,

 

  nun ce vo nient a ddi’accussi’ va bbuon.

 

 Ma si avutamm o libbr, si a vit e’ na priggion

 

 e, si o relor ten ogni mument, banc ra vita toia,

 

 si a facc ie  mman e cosc e tutt o riest,nunn e cumann tu ma so soltant

 

 nu freggie, comm a ddi, ca stann lloc pe “bellezz”

 

 e tu stai rint  comm a ppriggiunier

 

 e chell ca pe tutt ll’ata ggent e’ o mezz pe se movere ,   campa’

 

 pe tte’ e nu mur,cient nferriat ca te tenene chius ncatenat.

 

 Te pozz ri ca staie sbagliann si “Ric ca vuo’ murì”

 

 

Ca nunna vuo campa’ sta vit, ca ta scigliut a tte’pecche’ ,

 

si tutt o munn adda’ pava’ na pena, si tu ca ll’e’ scunta’

 

si tu soltant ,e patì e pen ma pe tutt quant?.

 

 

No,   pe mme’ puo’ murì, e si vuo’ na man “Io stong cca”

 

So pront pur si a me  nun me piac.

 

 

Ma primm e accummincia’ ,te voglie ri’ na cos

 

 

Io nun ce crer a chistu Patatern ca fa sta bbuon a chi

 

fa mal all’at, e  fa suffri, a chi na vita san a faticat

 

Ma, si pe cumbinazzion, Iss, av raggion

 

Si alla’ ce sta’allivver coccherun

 

ca, p’ogni pen, p’ogni sofferenz

 

segn nu punt e nun so scord maie pecche’,

 

quann e’ fernut chesta vit ,chi se l’e ammeretat,

 

accummenc a campa, e ll’at “ A se ranna’”

 

 

E allor… amic mi ,che dic, a stacc a spin,

 

io nunn o ssacc. famm sape’ tu

 

Ma io, pur si t’o’ rripet ston cca’

 

te rong nu cunziglie

 

unn a  stacca’

 

Pecche’ si pur tu suffrenn,

 

campass ancor, pe nati cient ann

 

na vot ca te si truvat alla’

 

puo’ ddi’” Ce stong,  pe n’eternita’”

 

Diversament, poveru maronn

 

chell ca tu e patut int a sta vit

 

e chell ca suffrenn e uaragnat

 

Si tir a spin. tu to ssì iucat.

 

 

 

Eutanasia

 

 

Cosa ci vuole a vivere,

 

quando la vita “scorre”,dolcemente,

 

siccome un fiume fresco, trasparente

 

che fa felice chi vi si immerge dentro.

 

Vivere è bello,quando

 

della tua vita sei padrone.

 

Ma, se è una prigione?

 

Si una vita prigione,

 

dove il dolore è nel tuo quotidiano

 

dove la tua prigione è il corpo tuo

 

dove le mani non possono toccare

 

le gambe camminare

 

la bocca dire gli occhi solo implorare

 

o neanche questo

 

Chi ti condanna se,in questa condizione

 

tu scegli di morire?

 

Possiamo condannare chi rifiuta

 

di vivere una vita senza sensi

 

ma solo sofferenza?

 

Una vita che è un morire quotidiano

 

di cui l’unica scelta che rimane

 

è staccare la spina?

 

 

No,io penso non possiamo condannare

 

solo capire e fare qualche cosa

 

per aiutare chi, questo calvario

 

può fermare.

 

 

 

Prima però voglio considerare.

 

Dammi dieci secondi per pensare.

 

 

Ma che Dio è quello che fa soffrire

 

una persona che ha sempre dato

 

e non ha chiesto mai

 

mentre permette a certi mascalzoni

 

di farla franca e continuare a fare

 

il male.

 

Un Dio che ti promette tutto dopo

 

ma, adesso prendi, quello che  manda il fato

 

Ma che Dio è,già,ma,

 

se avesse lui ragione?

 

Se questa vita a cui teniamo tanto

 

fosse solo una parte della vita

 

e se mentre ci danniamo pensando

 

a dire e fare, qualcuno segna i punti

 

e tiene il conto, persona per persona

 

per presentarsi all’atto del trapasso

 

con il conteggio ,e con il risultato?

 

Ci pensi amico mio,

 

che gran punteggio tu stai

 

mettendo insieme ?

 

Se è tutto vero

 

staccando quella spina

 

avrai perduto

 

tutto il guadagnato,

 

te lo sarai giocato.

 

 

Emilioultima modifica: 2007-11-20T22:52:18+00:00da sylvii
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Emilio

Lascia un commento